LETTERA ALLE/GLI ALLIEVE/I CFP BRA

Care ragazze e cari ragazzi del nostro Cfp, stiamo vivendo un tempo davvero complesso, che mai ci saremmo aspettati di sperimentare. Quella che ci apprestiamo a vivere, nella tradizione cristiana, è la «settimana santa» che prende l’avvio domani (domenica 5 aprile) con l’ingresso di Gesù a Gerusalemme, accolto trionfalmente. Settimana, questa, che ci farà arrivare alla domenica di Pasqua. Allora non dobbiamo permettere al Covid-19 (coronavirus), il nemico invisibile che si è insinuato nelle nostre vite, di rubarci anche la Pasqua. Il tempo è diventato tutto uguale, scandito da una quotidianità nella quale siamo intrappolati nelle nostre case, che prima amavamo tanto e che adesso ci sembrano prigioni. Non possiamo/dobbiamo uscire, il nemico è veramente in agguato! Ci impedisce di passeggiare, di goderci la primavera, di andare al supermercato, in piscina, in chiesa, a casa degli amici. Ci impedisce perfino di andare al nostro amato Cfp! Ma ci permette di fare esperienze nuove, di migliorare le nostre competenze digitali, di continuare ad imparare, anche se #iorestoacasa, grazie all’enorme lavoro che i formatori stanno facendo quotidianamente per ciascuno di voi. E che voi dovete seguire, con una presenza assidua alle video-lezioni e con la consegna puntuale dei compiti che vi richiedono. Anche questo è un modo per crescere! La Pasqua, secondo i cristiani, è un passaggio dalla morte, causata dal peccato, alla nuova vita, da risorti. Pensiamo ai tanti morti che questa pandemia ha già fatto. Avremmo tutti voluto esplodere in una Pasqua di gioiosa liberazione dal male che ci assedia, ma ci è chiesto ancora di attendere, di lottare, di impegnarci nel rispetto scrupoloso delle norme di comportamento, le uniche che possono tutelare noi e gli altri dal contagio. E, allora, il mio augurio a tutti voi cari giovani - di cui sentiamo forte la mancanza, guardando i cortili troppo vuoti e silenziosi - ai vostri genitori e parenti, vi giunga con le parole di don Tonino Bello, che fu vescovo a Molfetta: «La Pasqua frantumi le nostre paure e ci faccia vedere le tristezze, le malattie, i soprusi e perfino la morte, dal versante giusto: quello del “terzo giorno”. Ovvero del giorno della Resurrezione».   Buona Pasqua a tutti voi. Con affetto e un po' di nostalgia… Valter Manzone  

LETTERA ALLE/GLI ALLIEVE/I

Galleria

Questa galleria contiene 4 foto.

Care/i ragazze/i, un’altra settimana è passata. E la lotta contro questo nemico invisibile, chiamato Covid-19, non ha ancora dato i risultati attesi. Anzi, a quanto ci dicono i vari canali di informazione, i contagi stanno ancora aumentando. Al momento, come … Continua a leggere

La Formazione Professionale CONTINUA

CNOS-FAP Regione Piemonte sta dando fondo ad energie e fondi per non abbandonare i suoi allievi in questo momento di sospensione forzata delle attività formative in presenza. Un buongiorno al dì, decine di telefonate al giorno, centinaia di mail inviate quotidianamente e materiale caricato su Google Classroom. Non è scontato per altri, ma lo è per noi. #formazioneadistanza #andràtuttobene #iostoacasa #cnosfapnonsiferma

RadioQuarantenna Cfp di Bra

Partite oggi pomeriggio (giovedì 19 marzo) le trasmissioni di Radio Quarantenna del Cfp Cnos FAP dei salesiani di Bra. Nella prima trasmissione, i formatori Kenneth Nnadi, Matteo Pronzati e Giovanni Spadafora hanno avviato la prima ora di trasmissione. Link Canale Twitch: https://www.twitch.tv/radioquarantenna   Già numerosi gli allievi che si sono connessi alla piattaforma Twitch che hanno potuto ascoltare la sigla “Cosa succede in città” e i primi interventi. La radio nasce per mantenere il contatto con gli allievi e con le persone che la ascoltano in un momento in cui è molto difficile avere relazioni, perché è importante restare a casa. Le trasmissioni sono previste il Lunedì e il Giovedì dalle 15 alle 16. Allora, collegatevi e buon ascolto!!

MESSAGGIO DI SOSTEGNO ALLE AZIENDE

Sono giorni complessi per tutti e lo sono anche per la scuola e la formazione professionale. Don Alessandro Borsello, direttore della Casa Salesiana di Bra, ha voluto con un video messaggio salutare e farsi vicino alle imprese con le quali dal 1959 i Salesiani collaborano.

Sono oltre trecento le attività imprenditoriali che condividono la passione educativa con il nostro CFP ospitando allievi in stage, assumendone altri con il contratto di apprendistato prima e spesso confermandoli al suo termine, accogliendoli nei percorsi di alternanza e garantendo collaborazioni tecniche altamente professionalizzanti per aggiornare i nostri formatori. Sono aziende dei settori come la meccanica industriale, la meccanica auto, l’acconciatura, la panificazione pasticceria e pizzeria, la termoidraulica. Questi settori, come tanti altri, stanno affrontando questa emergenza con modalità diverse, pensiamo in particolare agli acconciatori che sono chiusi e non solo loro. Una emergenza che è sanitaria ma che si intreccia pesantemente anche col mondo del lavoro. Don Borsello ha ricordato come anche don Bosco nello sviluppo delle sue moltissime attività per i giovani si è trovato in difficoltà, in particolare durante la drammatica epidemia di colera che ha colpito Torino nell'estate 1854. La Provvidenza lo ha sempre sostenuto e lo ha guidato nelle difficoltà a saper trovare la strada, a superare gli ostacoli che si presentavano di volta in volta. Ed ogni volta, dopo ogni difficoltà, ritornava ritemprato e con idee nuove sempre per il bene dei suoi ragazzi, basti pensare al contratto di “apprendizzaggio” e al fatto che la sua riuscita fu dovuta alla disponibilità di un artigiano, di una delle tante “aziende” del suo tempo che gli garantirono la collaborazione.

“So quanto stimate i Salesiani - ha affermato don Alessandro Borsello - e so quanto è generoso il vostro impegno per i nostri allievi. Nella fiducia che ci rivedremo presto, confermo l'impegno della Formazione Professionale Salesiana al vostro sostegno e sin d'ora a progettare quegli interventi che presto ci vedranno ripartire con voi per il futuro dei nostri amati giovani. Siamo insieme a combattere questa sfida difficile. Sentiamoci uniti. Noi assicuriamo la nostra vicinanza, anche nella preghiera, e insieme ce la faremo”.

Anche la solidarietà nei messaggi in questi momenti non facili può fare la sua parte e indicarci la strada, quella della speranza, in attesa di momenti migliori che siamo certi torneranno.

Franco Burdese

SALESIANI 4.0

Il Covid-19, pur essendo piccolo e invisibile agli occhi, ha cambiato gli stili di vita di milioni di persone. Tra questi, anche a tutta la popolazione scolastica italiana, di ogni ordine e grado. Ai salesiani di Bra, sia i docenti della scuola media paritaria, sia i colleghi del Centro di formazione professionale, si sono attivati da subito, per continuare a mantenere un contatto con gli studenti, offrendo loro delle opportunità di lavoro a distanza.

MEDIE Spiega il presidente Teresio Fraire: «Fin dai primi giorni di queste emergenza abbiamo cercato di occupare i ragazzi, servendoci dello strumento mail e dei materiali didattici caricati dagli insegnanti sul sito www.salesianibra.it. I ragazzi e le famiglie si sono attivati, mentre gli insegnanti hanno studiato forme per avere un riscontro del lavoro svolto». Poi aggiunge: «Visto il prolungamento dei giorni di sospensione della scuola e sollecitati dalle indicazioni ministeriali, abbiamo avviato l’utilizzo della piattaforma Google Apps for Education, su cui ci eravamo già attivati in vista del prossimo anno scolastico». Allo scopo sono stati creati gli account per gli insegnanti e per gli allievi, i gruppi classe e gli indirizzi istituzionali, disponendo da subito di una serie di strumenti di interazione tra insegnanti, alunni e le famiglie (mail istituzionali, file condivisi in lettura e scrittura, applicazioni delle G Suite come Classroom, Moduli, Fogli, Documenti).

Il direttore dell’opera don Alessandro Borsello: «Non consideriamo questo nuovo canale informatico l’unica modalità di conduzione della didattica: la scuola e gli insegnanti sono contattabili via mail e continuano a caricare i materiali didattici sul sito e a segnalare sul registro compiti e lezioni. Cogliamo queste difficoltà come un’occasione per crescere insieme (scuola, famiglie e alunni) e per far sperimentare ai ragazzi cosa può voler dire davvero lavorare in vista di un efficace apprendimento».

CFP Anche la comunità del Centro di formazione professionale si è subito attivata per raggiungere tutti gli allievi dei corsi dell’Obbligo di istruzione, i colleghi dei percorsi Ifts per Tecnico trasfertista e gli allievi dei corsi di riqualificazione per meccatronico e gli addetti magazzino-logistica. Il coordinatore del Cfp Davide Busato: «Tutte i nostri allievi hanno l’accesso alla piattaforma Classroom sulla quale possono interagire con i formatori. Abbiamo anche attivato una cartella di Drive, nella quale i ragazzi – cercandosi la propria classe – trovano i materiali didattici che i docenti preparano e caricano settimanalmente». Aggiunge il direttore del Cfp Valter Manzone: «Oltre all’aspetto didattico, ci preoccupa anche quello formativo, che è integrante di tutti i nostri percorsi: grazie ad un canale Youtube, tutti i giovani possono ascoltare il “buongiorno” realizzato dal direttore dell’opera o dai componenti dell’equipe pastorale.

E, sempre grazie all’etere, per continuare ad avere un contatto con gli studenti, è stata attivata anche una web radio, con un palinsesto appositamente studiato per poter comunicare loro le iniziative didattiche, per proporre una lezione o, semplicemente, per offrire un po' di relax che li aiuti a vivere bene questo tempo in cui occorre “stare in casa”. Anche i formatori, che stanno svolgendo il lavoro fuori sede, rimangono connessi, grazie ai collegi docenti realizzati sfruttando Meet di Google».

ORATORIO. In questo periodo di serrata, anche la comunità oratoriana sta cercano di mantenere vivo lo spirito di famiglia che la caratterizza. Una specie di consiglio oratoriano si è incontrato online e ha condiviso alcune idee: si è proposto un breve video della comunità salesiana a mo’ di saluto del “dopo messa” sulla scalinata del cortile; intanto si inventano i modi per tenere i contatti con i ragazzi e i giovani dei gruppi, chiusi anche loro in casa ma con tanta di voglia di rivedersi in presenza e non solo virtualmente.


Materiale didattico online per gli allievi del CFP

Care ragazze, ragazzi e genitori della classi prime e seconde CFP,

le disposizioni del Governo in merito al Covid-19 hanno imposto la chiusura delle scuole fino al 15 marzo. Il nostro Ente, in accordo con la Regione Piemonte, ha previsto l’esecuzione di lezioni online. Abbiamo quindi deciso di attivare DRIVE. A questo link:

https://drive.google.com/open?id=1dZHHCDjV-QT2d3T9ira8-Bo6cKje3XYn troverete il materiale didattico che i vostri insegnanti caricheranno, suddivisi per classe.

Vi chiediamo di consultare il link indicato prima, tutti i giorni dalle 9 alle 13, utilizzando obbligatoriamente il materiale caricato. Potete contattare i vostri formatori via mail (nome.cognome@cnosfap.net; esempio: fabio.tripaldi@cnosfap.net) o telefonando in portineria (01724171111) chiedendo del docente.

Queste modalità saranno utilizzabili da oggi fino a nuove disposizioni. Vi invitiamo a condividere questo messaggio sui gruppi whatsapp della vostra classe, in modo che tutti i compagni siano al corrente del provvedimento.

I formatori del Cfp di Bra