Cambia Marcia, usa la testa

BRA <Cambia Marcia, usa la testa> è lo slogan-invito scelto dal comune di Bra per la nuova campagna di sensibilizzazione sulla mobilità sostenibile sul territorio comunale.

La campagna "cambia marcia, usa la testa", è stata lanciata sabato 4 febbraio a Bra, in un doppio evento che ha visto prima un tour per le vie cittadine, con il Sindaco Bruna Sibille in veste di guida, alla scoperta degli interventi che sono stati e che verranno intrapresi nei prossimi mesi dall’amministrazione e, successivamente, con una conferenza al Movicentro di piazza Caduti di Nassirya. Alla presentazione delle attività anche una rappresentanza degli allievi del Centro di formazione professionale Cnos (nella fattispecie 3 allievi dell'ultimo anno della meccanica auto) che sono stati citati dallo stesso sindaco come potenziali <riparatori> dei veicoli elettrici che dovrebbero garantire la mobilità nei prossimi anni.
Gli allievi del CFP alla presentazione della Eco mobilità

Gli allievi del CFP alla presentazione della Eco mobilità

PRIMO TASSELLI PER IL MONGOLIA CHARITY RALLY PER IL CNOSFAP DI BRA E FOSSANO

BRA  PRIMO TASSELLI PER IL MONGOLIA CHARITY RALLY PER IL CNOSFAP DI BRA E FOSSANO Gli allievi del CFP dei Salesiani di Bra prendono in consegna il mezzo che parteciperà al  Mongolia Charity Rally 2016. Primo tassello per la partecipazione dei ragazzi della meccanica auto del Cnosfap che saranno chiamati a personalizzare l’Opel Vivaro capitanato da Riccardo Garella. Toccherà agli allievi dei CFP di Bra, per la parte meccanica e di manutenzione veicoli, e di Fossano per la carrozzeria, la grafica e la pellicolatura, preparare al meglio il veicolo seguiti dai loro insegnanti. Le incognite che dovranno affrontare l’equipaggio sono non prevedibili: davanti a loro si apre un percorso di 14.000 km, attraverso dieci stati e due continenti. Ricordiamo che il Mongolia Charity Rally 2016 non  una vera e propria corsa: le squadre partecipanti si impegnano piuttosto ad acquistare ed allestire alcuni veicoli, per poi guidarli da Bruxelles a Ulan Bator attraversando tutta l'Asia Centrale. Una volta giunti nella capitale Mongola i veicoli, tramite un’associazione benefica, verranno donati direttamente alle popolazioni locali, o utilizzati per portare a termine vari progetti umanitari. L’Opel Vivaro verrà ora allestita a Bra per poi trasferirsi a Fossano per la parte di carrozzeria. Partenza prevista per Bruxell il 6 luglio per giungere al parlamento Europeo dove di svolgerà la conferenza stampa con alcuni parlamentari al fine di presentare l’iniziativa. Il lavoro degli allievi sarà fondamentale per garantire l’affidabilità del mezzo condotto da un equipaggio di non addetti ai lavori. La partenza è fissata il 9 luglio da Bruxelles verso l’Anello d’Oro della Russia Imperiale, le grandi città carovaniere di Samarcanda e Buchara, e un angolo del Turkmenistan a buon diritto noto come la Porta dell’Inferno fino ad arrivare a  Ulan Bator. “ Si tratta di un viaggio affascinante quanto impegnativo- commenta Riccardo Garella-  ispirato dalla volontà di mettersi in gioco in prima persona per una causa importante.” Bella quindi la sfida anche per gli allievi della formazione professionale che dovranno dare il massimo per un progetto veramente a misura di giovane. Chiunque voglia avere una visione più completa di questa avventura, o supportare questa bellissima causa, può visitare il sito www.phigamma.org oppure contattare l’indirizzo info@phigamma.org. Franco Burdese