I 60 anni della nostra Casa!

Al via sabato 26 gennaio, in occasione della Festa di don Bosco ai Salesiani di Bra, le iniziative per festeggiare i sessanta anni della venuta  della Congregazione Salesiana. Una cerimonia sobria ma che ha toccato tutte le componenti della coagulazione Salesiana a Bra. Da quell’8 settembre 1959 i Salesiani hanno saputo essere parte attiva e propositiva del territorio coinvolgendo ragazzi, famiglie, aziende, associazioni di categoria, istituzioni, oratoriani, benefattori e quanti hanno voluto fare parte del mondo di don Bosco. Sabato 26 gennaio tutte queste componenti erano presenti. Gli allievi premiati con la borsa di studio del Lions Bra in memoria di Italo Deriu, gli allievi frequentanti i cinque corsi con i panettieri pasticceri anche nel ruolo di produttori del rinfresco. Le istituzioni con il Sindaco Bruna Sibille ed i suoi assessori, il Capitano dei Carabinieri Di Nunzio con il  Maresciallo Cucuzza,  le tante aziende tra cui le premiate Arol, Gai, Rolfo, Europlast, Tesi Squere, Tcn e Schneider. I vertici delle associazioni di categoria a rappresentare i loro associati con Giacomo Badellino Presidente Ascom Bra, Luca Crosetto Presidente Confartigianato Cuneo, Muro Gola Presidente Confindustria Cuneo con il Direttore Giuliana Cirio, Ilio Piana Direttore Generale di Confapi Cuneo. A completare la folta rappresentanza Marco Costamagna, Presidente della Sezione Meccanica di Confindustria Cuneo, che è stato allievo dell’Istituto Tecnico Industriale San  Domenico Savio. Don Vicenzo Trotta, Direttore della Casa Salesiana di Bra, ha ricordato come il ruolo dei benefattori sia stato e sia fondamentale. Dagli archivi della Direzione dell’Istituto San Domenico Savio, don Vincenzo, ha estrapolato il racconto di don Corrado Bruno che parlava della generosità in incognito delle sorelle Aprile, con una donazione di venticinque milioni di lire consegnati in contanti al fine di non far sapere da chi provenisse quella cifra per aiutare la crescita dei Salesiani a Bra. Di spessore l’intervento in tandem di Bruna Sibille, che ha ricordato il suo trascorso come insegnante ai Salesiani per i corsi di chi doveva conseguire la terza media al fine di potere sostenere l’esame di patente di guida, e Mariano Costamagna ex allievo di Fossano ma datore di lavoro di moltissimi ex allievi della casa salesiana di Bra. A seguire sono intervenuti don Enrico Peretti, Direttore Generale Nazionale Cnosfap, che ha trattato l’importanza della formazione professionale nel tessuto sociale. Lucio Reghellin, Direttore Regionale Cnosfap che ha ringraziato il mondo aziendale per la grande partecipazione e collaborazione. Il dott. Maurizio Giraudo, responsabile area vasta della provincia di Cuneo per il Cnosfap. Molti gli ex allievi presenti e durante la consegna del riconoscimento a Sebastiano Astegiano, contitolare della  TCN di Alba per la grande collaborazione nell’ospitare giovani spagnoli nel progetto Erasmus,  si è aggiunto ad onorem anche lui. E’ stato il Presidente degli ex allievi Davide Busato a consegnare la pergamena ricordo dell’inserimento ad onorem negli ex allievi di Bra di Sebastiano Astegiano che ha avuto un padrino per eccellenza, il suo socio di sempre Pinuccio Bernocco. Sono poi state ricordate per  la grande collaborazione al corso Tecnico Trasfertista le ditte Arol, rappresentata ad Anna Penna, e Gai Macchine Imbottigliatrici rappresentata da Guglielmo Gai. La pergamena è stata consegnata dal Prof. Luca Iuliano del Politecnico di Torino e da Mario Freni Dsga del Vallauri di Fossano. Entrambe le realtà, universitaria e scolastica, collaborano col percorso Tecnico Trasfertista. Pergamena di riconoscimento è poi stata consegnata a Claudio Pacotto per avere donato una macchina per lo stampaggio della plastica. A Giuseppe Pacotto, rappresentato da Adriano Vernassa,  della Tesi Squere per la collaborazione nell’apprendistato. A  Roberto Rolfo per la collaborazione nel progetto che ha previsto la costruzione di un veicolo, grazie al loro Tecnico Giuseppe Giordano, ed all’organizzazione della formazione nel tempo libero degli studenti di Bra e Fossano curata da Antionio Ghigo, responsabile risorse umane della Rolfo spa. A chiudere la mattinata la premiazione della Schneider  Electric, che ha donato la cifra di 30 mila euro in materiali, e l’inaugurazione del nuovo laboratorio curato da Schneider  Electric per il corso tecnico Trasfertista ed assemblato con gli allievi dell’IFTS coordinato dai tecnici Gai ed Arol.  Infine quattro premi speciali ad altrettanti salesiani braidesi speciali, consegnati dall’Ispettore del Piemonte e Valle d’Aosta don Enrico Stasi. Al signor Riccardo Mano, dal 1959 educatore a Bra, attualmente a 88 anni ancora ispiratore del lavoro per i giovani. All’ex Preside dell’Istituto Tecnico don Sebastiano Bergerone, allo storico capo officina Giuseppe Cagnoli, a don Livio Greppi prete operaio e dal suo arrivo ai salesiani sacerdote presso la frazione Riva di Bra. Molta la soddisfazione degli intervenuti anche per il prelibato rinfresco preparato dagli allievi del Corso di Panetteria Pasticceria. Ed ora si organizza la mostra antologica dei sessanta anni di salesiani a Bra presso la Novella. Franco Burdese

Panificatori della provincia ai 60 anni della Casa di Bra

I panificatori della provincia di Cuneo ed i Salesiani di Bra sono idealmente coetanei. Sono passati 61 anni da quando fu fondata l’Associazione Autonoma Panificatori della Provincia di Cuneo. Nove panettieri diedero vita all’ardita idea in una provincia profondamente diversa da quella di oggi: Michele Abbà e Tommaso Bertolotto di Saluzzo, Michele Berardo e Carlo Pianotti di Bra, Filiberto Delfino di Dronero, Magno Gastaldi e Carlo Proglio di Fossano, Aldo Rigucci e Giuseppe Valaguzza di Cuneo. Due di loro erano braidesi e certamente avranno condiviso la posa della prima pietra della Casa Salesiana in quel 18 marzo 1958.  E la storia fa ancora intrecciare panificatori e salesiani perché a Bra si sta sviluppando il Cordo regionale triennale di Panetteria pasticeria e pizzeria. I tempi sono cambiati ma la volgia di collaborare no. E’ stato infatti il Presidente dell’associazione Anonima Panificatori della provincia di Cuneo, Pietro Rigucci, durante la Festa di don Bosco a Bra a premiare con la borsa di studio  intitolata all’ex segretario comunale Italo Deiu l’allievo della classe terza del settore agroalimentare Pietro Messa.  “I panificatori avevano necessità di garantire un prezzo del pane che fosse equo – dice Piero Rigucci, figlio di Aldo e attuale presidente dell’Associazione – per contrastare i prezzi calmierati e garantire un giusto compenso ai panettieri. In questi sessantuno anni è davvero cambiato tutto. Penso che negli anni ’50 c’era lo scambio farina pane e la gente viveva così. Ma rifletto anche sul fatto che tutto è cambiato ma certe conquiste oggi sono di nuovo rimesse in discussione da un sistema di società che per molti aspetti è da condannare aspramente. Sono felice di essere qui ai salesiani di Bra dove ho trovato un’ottima scuola e bene attrezzata. Noi panettieri diamo la massima disponibilità alla collaborazione col Cnosfap, il mondo salesiano siamo certi prepari buoni giovani e ci fa piacere potere collaborare a questa educazione.” Ad accompagnare il Presidente Rigucci il rag. Luigi Panero che è stato artefice e facilitatore della realizzazione del laboratorio di panetteria Pasticceria di Bra, realizzato col significativo contributo di Giuseppe Bernocco , titolare della Galup, e della ditta  Gai Macchine Imbottigliatrici di Ceresole d’Alba.   Franco Burdese

A BRA la CONSEGNA DEGLI ATTESTATI dei QUALIFICATI E DIPLOMATI della FORMAZIONE PROFESSIONALE SALESIANA.

Galleria

Questa galleria contiene 1 foto.

BRA Si svolgerà nel pomeriggio di lunedì 4 febbraio – a partire dalle 16,30 al Centro polifunzionale Giovanni Arpino di largo della Resistenza 45 a Bra – la consegna degli attestati di qualifica e dei diplomi ai giovani della formazione … Continua a leggere

Finisce il corso serale agroalimentare

BRA Concluso, nella serata di lunedì 17 dicembre, il corso di FCI - formazione continua individuale - del settore agroalimentare. Il docente Giacomo Raffreddato ha consegnato a tutti gli allievi, al termine della verifica finale, il <gustoso> albero di Natale, realizzato in cioccolato e finemente decorato con molti dettagli (tutti rigorosamente commestibili!).
v.m.

Orientamento 2019-20: il futuro è oggi.

Con una nuova edizione del «Salone dell’Orientamento» promosso dalle istituzioni scolastiche e formative cittadini, in collaborazione con il Comune di Bra e la cooperativa Orso all’interno del progetto “Bra Orienta”, si avvia la fase di accompagnamento alla scelta dei ragazzi e delle ragazze di terza media, della città della Zizzola, a fare una buona scelta per prepararsi al futuro. Il calendario degli appuntamentiproseguirà con la rassegna "PORTE APERTE" domenica 16 dicembre e sabato 12 gennaio 2019.
  • Sabato 17 Novembre - MOVICENTRO, Piazza Caduti di Nassyria, ore 10  Apertura del Salone dell’Orientamento: con la presentazione di tutte le opportunità formative che il territorio offre, a cui saranno presenti tutti gli istituti superiori e il nostro Centro di formazione professionale.
  • Martedì 04 dicembre 2018 - Centro Polifunzionale Giovanni Arpino ore 20,45 Appuntamento con il Centro di formazione professionale CNOS-FAP dei Salesiani che presenta i suoi corsi di qualifica della durata di tre anni (operatore meccanico-costruzioni su Mu, operatore alla riparazione dei veicoli a motore, operatore del benessere-acconciatura, operatore agroalimentare, operatore di impianti termoidraulici)
  • Domenica 16 Dicembre (dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18) e Sabato 12 Gennaio 2019 (dalle 15 alle 18):  “Porte Aperte”, l'occasione per gli studenti di visitare i vari laboratori del nostro Cfp, in compagnia dei loro familiari.
E, novità di quest’anno, venerdì 18 gennaio 2019 – dalle 18 alle 22 – la prima «Notte dei mestieri», ovvero un momento di festa e di condivisone con le famiglie dei futuri allievi, che potranno «provare» a svolgere le attività tipiche dei nostri laboratori. Info: 0172/41.71.120 oppure 0712/41.71.111

CERCASI GIUDICI PER CONCORSO PANETTERIA PASTICCERIA

Idea geniale per il CFP Cnosfap dei Salesiani di Bra che è alla ricerca di giudici appassionati del mondo della panetteria e pasticceria. Non servono titoli, curriuculum o attestati di partecipazione a masterchef, la prova del cuoco, od altro. Unica competenza la passione e la ricerca di stimoli gastronomici che portino alla felicità del corpo e dello spirito ed alla manualità d’altri tempi. Gli aspiranti giudici saranno chiamati a partecipare alla valutazione di un concorso interno rivolto agli allievi della classe terza di panetteria, pizzeria e pasticceria che si stanno preparando a partecipare ad un concorso nazionale che coinvolge tutti i Centri di Formazione dei salesiani in Italia. “ L’idea- afferma il Direttore del CFP Valter Manzone- di coinvolgere gli appassionati dell’agroalimentare in una giuria “popolare” è legata al fatto che gli italiani hanno una innata capacità per il buon cibo. Ed allora affiancheremo a qualche giurato esperto, saranno una quindicina i valutatori, massaie tanto brave da non saperlo, appassionati del buon cibo, degustatori anonimi, tutti consci che andranno a valutare il lavoro che ragazzi in formazione svolgeranno con passione e con qualche competenza da affinare. Ed allora venite gente, il CFP dei salesiani di Bra vi aspetta a braccia aperte ed a stomaco vuoto .” Artefici dell’iniziativa gli allievi della classe terza panetteria, pizzeria e pasticceria seguiti dai docenti Tommaso Elia, Giacomo Rafreddato e Claudio Vaira. “ Pensiamo – commentano i maestri della panificazione Elia e Vaira-  che fare mettere in gioco i nostri ragazzi li aiuti a maturare. Se poi la giuria è composta non solo da esperti ma da gente comune ancora meglio. Noi che abbiamo avuto una nostra attività da panettieri sappiamo bene quanto conti il giudizio del cliente quotidiano e di chi ti apprezza per la qualità della materia prima e per una trasformazione degli alimenti al passo coi tempi. Questo è quello che faremo realizzare ai nostri allievi durante questa “ prova autentica”, non vorremmo chiamarlo concorso, per mettersi alla prova come veri artigiani.” A coordinare i gruppi di lavoro, che si metteranno alla prova dalle 16 alle 18.30 nei giorni di giovedì 13 e venerdì 14 dicembre, il pasticcere Giacomo Rafreddato referente della classe terza. “ Questa iniziativa in favore dei nostri ragazzi- spiega Rafreddato- servirà ad individuare due allievi, un ragazzo ed una ragazza,  che parteciperanno al concorso nazionale del settore agroalimentare dei salesiani che quest’anno sarà dedicato al ricordo di Gualtiero Marchesi e si svolgerà presso il CFP di Este. Proporremo sei squadre da quattro allievi che si cimenteranno sulla realizzazione della prova autentica su un elaborato dolce ed uno salato. Ai giudici chiederemo di assistere alla preparazione, già analizzando la manualità e l’organizzazione del gruppo, per poi valutare presentazione e caratteristiche dei piatti che verranno proposti.” L’invito ai potenziali giudici è quello di candidarsi con modalità personale recandosi presso la reception dei salesiani di Bra in viale Rimembranza 19, oppure scrivendo all’indirizzo di posta concorso.agrosalex@gmail.com La candidatura è aperta e non ci sono limiti di età se non quello di avere almeno 18 anni. Unica richiesta indicare la motivazione per cui si intende partecipare. I candidati selezionati verranno contattati per fare parte della giuria in una delle due tornate del 13 o 14 dicembre dalle 16 alle 18.30. E buon appetito.   Franco Burdese