ALLIEVI E FORMATORI ALLA MESSA DI INIZIO ANNO

Lo ha ribadito anche il direttore dell’opera don Alessandro: quello che si aveva dall’altare, era davvero un bel colpo d’occhio. I 350 allievi del CFP con tutti i loro formatori, erano schierati (è il caso di dirlo, viste le necessarie precauzioni anti-Covid) nel grande cortile dell’istituto, per partecipare – mercoledì 7 ottobre, festa della Madonna del rosario – alla tradizionale messa di inizio anno.

Dopo un momento di introduzione, i celebranti (oltre a don Alessandro, don Kenneth e don Livio) hanno iniziato la funzione, accompagnata dai musici Matteo, Davide e Nanni. Le letture affidate agli allievi, l’omelia che ha richiamato il valore della preghiera, desunto dalla pagina di vangelo che citava il Padre nostro e dalla stessa festa della Madonna del rosario, e il resto della messa. A distribuire la comunione, passando tra le file di allievi, i sacerdoti, per limitare al massimo gli spostamenti. Con il canto finale «Verdi le tue valli» si chiudeva un momento forte dell’anno formativo: quello che ci ha visti tutti insieme, impegnati ad affidare al Signore, la prosecuzione delle nostre attività e la comune difesa dalla pandemia. Mentre i giovani uscivano ordinatamente e qualcuno raccoglieva le sedie, i colleghi del settore agroalimentare, facendo una gradita sorpresa, distribuivano un dolcetto o una focaccina a tutti gli allievi e ai formatori!

A.F. 20/21: TORNANO GLI ALLIEVI!

AVVIO CLASSI PRIME

Erano trepidanti davanti al cancello lunedì mattina 21 settembre (ore 8) poi i formatori che li accoglievano li hanno invitati a recarsi sotto il porticato per la rilevazione della temperatura. Sono stati molto ordinati e particolarmente attivi i nuovi allievi della 5 classi prime: fatta la fila, rilavata la temperatura, tutti seduti sulle sedie in cortile. Tutti con la propria mascherina. Breve saluto del direttore dell’opera don Borsello, saluto a tante raccomandazioni da parte del direttore del Centro Manzone e saluto con preghiera finale da parte del catechista don Kenneth. Poi qualche goccia di pioggia ha accelerato lo spostamento in aula. Accolti dal referente di corso, hanno iniziato a famigliarizzare con l’ambiente e con la documentazione necessaria per l’avvio dell’a.f. 20-21. All’intervallo, ecco che in cortile si notavano le «bolle sociali» di ciascuna classe, con i formatori che animavano anche questo momento di prima timida socializzazione. Alla fine della mattinata, stanchi, un po’ frastornati ma contenti, tutti a casa. Pronti a ricominciare il giorno successivo!!

INCONTRO GENITORI CLASSI SECONDE E TERZE

Nella serata di martedì 22 settembre, dalle 20,30 alle 21,30, si è svolto l’incontro con i genitori delle classi seconde e terze in Meet. Dopo che l’animatore digitale del Cfp, Valentin, ha inviato loro l’invito (contattate 215 famiglie) ci siamo ritrovati nella direzione della casa salesiana con don Borsello, don Kenneth e lo scrivente direttore del Cfp. Da casa, il coordinatore Busato, numerosissimi formatori e ben 135 famiglie connesse! Dopo l’introduzione di don Alessandro Borsello, il direttore del CFP ha illustrato tutte le novità dell’anno con particolare riferimento al protocollo Covid-19, con le richieste contenute anche nel patto di corresponsabilità che le famiglie stesse firmeranno in questi giorni. Poi don Kenneth ha illustrato le modalità con le quali l’equipe formativa ha pensato di impostare sia il «Buongiorno» sia le giornate di spiritualità. Con una serie di domande sulla logistica dell’anno formativo, si è chiuso l’inocntro che è stato molto apprezzato da tutti i genitori.

AVVIO CLASSI SECONDE

Sono arrivati tutti, puntuali alle 8 di mercoledì 23 settembre, i giovani e le giovani dei secondi anni. Desiderosi di rivedere fisicamente i compagni di corso, i formatori e gli ambienti. SI sono sottoposti ordinatamente alla misurazione della temperatura, poi hanno raggiunto la chiesa, disponendosi nei banchi preparati anche per le celebrazioni, dopo essersi fatti sanificare le mani da un formatore che li accoglieva all’ingresso. Hanno ascoltato i saluti del direttore dell’opera don Borsello, del catechista Kenneth e seguito, con grande attenzione, le indicazioni che il direttore del Cfp ha dato loro per vivere al meglio e in totale sicurezza quest’anno formativo. Poi – mantenendo mascherina indossata e distanziamento sociale – con i loro formatori di riferimento, si sono avviati in aula per dare ufficialmente inizio alla loro seconda annualità.

IMMAGINI del nuovo A.F. 2020/21

- EQUIPE FORMATIVA «at work»

Don Kenneth Nnadi, don Alessandro Borsello, Monca Calosso, Vanessa Rigano, Nanni Spadafora, Davide Ciravegna e Valter Manzone, hanno condiviso le modalità di animazione pastorale del Cfp. In un anno molto complicato, non si intendono perdere le belle tradizioni salesiane: il Buongiorno (tre ambienti fisici: la chiesa, la palestra e le aule didattiche, che consentono – tutti – di mantenere il necessario distanziamento sociale), i momenti di accoglienza e le giornate di spiritualità che saranno singole, da organizzare in luoghi tipici e comodi da raggiungere.

- FORMATORI …pensanti!

Tutti i formatori del Centro – divisi in tre gruppi di lavoro trasversali – si sono ritrovati sia martedì 15/09 sia mercoledì 16/09 per confrontarsi sulle linee-guida per il prossimo anno formativo: dalla gestione dei ragazzi (ingressi, misurazione febbre, accesso alle aule, gestione orario e intervalli, uscite, regolamento del centro e regolamento Covid, pausa pranzo, etc..) all’organizzazione della didattica. Interessanti le sollecitazioni che sono nate; un momento di confronto con lo staff di direzione ha permesso di fare una sintesi di tutto, poi presentata alla riunione dei formatori.

-  ORGANO COLLEGIALE

Ormai la cappella dell’Istituto è diventata anche la sede, molto accogliente, per le riunioni dei formatori del Cfp. Ci si ritrova ordinati nei banchi, a distanza, con mascherina e si avviano i lavori con il saluto al «padrone di casa». L’incontro di giovedì 17/09 è stato aperto dal direttore dell’opera don Alessandro Borsello, con una bellissima preghiera di Madre Teresa di Calcutta (L’uomo è irragionevole….) che ha davvero creato un buon clima di lavoro. Poi il direttore del Centro, coadiuvato dal coordinatore e dal Rspp, ha condiviso le varie linee guida per l’avvio dell’anno formativo, in un clima di grande partecipazione di confronto. Si sono verificate le situazioni legate agli ingressi, alla misurazione della temperatura, dell’acceso alle aule, dei presidi dei piani del Palazzo nuovo e dell’oratorio, e dell’officina. Si è discusso di assenze e del modulo di autocertificazione per le giustifiche, dell’allestimento dell’aula Covid e delle modalità di gestione di studenti con sintomi vari. SI è analizzato il regolamento di Centro e quello integrativo denominato «Misure di prevenzione del Covid-19» che prevede anche sanzioni specifiche per coloro che non lo rispettano. Infine si è dato uno sguardo all’impostazione dei laboratori – che sono la parte più importante del nostro Centro – con la condivisione di regole chiare che saranno spiegate ai giovani e fatte applicare in modo rigoroso.

- RINNOVO AMBIENTI

In tutte le aule ci sono delle novità. Al terzo piano saranno piazzati i Promethean (mega televisori multifunzionali) in tutte le aule, mentre i colleghi dei settori agroalimentare e termoidraulica stanno letteralmente rifacendo i rispettivi laboratori, per accogliere gli studenti in ambienti attrezzarti con strumenti di ultima generazione…

 

- INCONTRO con i GENITORI di PRIMA

Nella serata di giovedì 17 settembre (dalle 18,30 alle 20) si è svolto, in presenza, l’incontro con i genitori delle future classi prime, che inizieranno il loro a.f. lunedì 21. Foltissima partecipazione, accolti in cortile sulle sedie distanziate, ai presenti ha rivolto un caloroso saluto di introduzione il direttore dell’opera don Borsello, spiegando il senso salesiano della formazione professionale e auspicando che il «patto di corresponsabilità» che le famiglie, gli allievi e il Cfp firmano, sia davvero declinato nel quotidiano. A seguire il direttore del Centro e il coordinatore hanno dato loro indicazioni tecniche sull’avvio e sulla gestione delle giornate al Cfp. Molto attenti e coinvolti, i genitori hanno poi firmato il patto, ricevuto il regolamento e il modulo per la giustificazione delle assenze.

RITIRO DI INIZIO ANNO

La <campanella> per l’avvio congiunto dell’anno scolastico/formativo è suonata alle 8,30 di venerdì 4 settembre. Formatori, insegnanti medie, educatori oratorio e confratelli della comunità salesiana braidese si sono ritrovati - tutti con mascherina e mantenendo il distanziamento sociale - nell’aula magna della media per il tradizionale ritiro d’inizio attività. Dopo il saluto del direttoredell’opera don Alessandro Borsello, i referenti dei tre settori (Cfp, medie, oratorio) hanno informato i presenti sulle novità dell’anno 20/21. Poi un bel momento di preghiera, condotto da don Kenneth, animato dai canti proposti da Matteo e Nanni. La relazione di don Alessandro sulla proposta pastorale, che ruota intorno al sogno dei 9 anni di don Bosco, ha coinvolto tutti i presenti. Un momento di riflessione personale, seguito da un altro a gruppi omogenei. Il tema del cortile e della sua valenza pedagogica ha animato il confronto. Poi la messa, vissuta nella consapevolezza di affidare l’anno in partenza all’Ausiliatrice e del Signore. Infine un gustoso aperi-pranzo, servito da un cospicuo gruppo di ex-allievi del corso Agroalimentare in cortile, ha concluso la mattinata, in un clima davvero di famiglia.  

Preparazione avvio anno formativo 2020/2021

BRA Avviata dal Centro di formazione professionale Cnos la distribuzione del gel alcolico sanificante a tutte le scuole cittadine. Nella mattinata di venerdì 28 agosto, gli uomini della Protezione civile di Bra, dopo aver contattato il nostro Rspp Dario Ruberi, per accordarsi per la consegna, hanno portato i fusti della soluzione alcolica – omaggiata all’Amministrazione comunale dalla ditta Diageo di Cinzano – che verrà messa a disposizione di tutti gli alunni e di tutti gli operatori del Cfp, per l’igienizzazione delle mani, nell’ambito della lotta alla diffusione del Covid-19.

LETTERA ALLE/GLI ALLIEVE/I

Galleria

Questa galleria contiene 4 foto.

Care/i ragazze/i, un’altra settimana è passata. E la lotta contro questo nemico invisibile, chiamato Covid-19, non ha ancora dato i risultati attesi. Anzi, a quanto ci dicono i vari canali di informazione, i contagi stanno ancora aumentando. Al momento, come … Continua a leggere

La nostra Castagnata

Galleria

Questa galleria contiene 5 foto.

La nostra Castagnata d’autunno! In una mattinata molto fredda, abbiamo rivissuto un’antica tradizione, cara anche a don Bosco: grazie ai cooperatori salesiani che hanno fatto arrostire le castagne (fornite dal professor Morra!), ai ragazzi di 2D che hanno preparato – … Continua a leggere

Scampia incontra il CFP di Bra

Immagine

IMG_1811Rosario Esposito La Rossa racconta la sua esperienza di vita.

Bra ha raccontato la nuova vita del quartiere Scampia (Napoli ) coinvolgendo tutta la platea di studenti del Centro di formazione professionale dei salesiani. Rosario Esposito La Rossa, accompagnato dalla moglie Maddalena, ha spiegato che dalle 21 piazze dello spaccio di una zona con 100 mila abitanti, oggi ne esiste solo più una. I giovani, dopo averlo subissato di domande,m stanno valutando un futuro gemellaggio del Cfp con Scampia. v.m. Fonte: Gazzetta d'Alba

LA BENEFICENZA VIAGGIA FINO IN MONGOLIA- PRONTI AL VIA

LA BENEFICENZA VIAGGIA FINO IN MONGOLIA- Tutto è pronto per il progetto di solidarietà che coinvolge l’associazione Phigamma con i centri di Formazione dei Salesiani Consfap di Bra e Fossano. L’Opel Vivaro curato nelle sua manutenzione ordinaria dagli allievi del CFP di Bra e per le scritte da quelli del Cnosfap di Fossano è pronto al via. “ Ringrazio chi con passione- ha commentato Riccardo Garella- ci ha aiutato senza alcuna spesa ad effettuare la preparazione del mezzo che porteremo mercoledì 6 luglio al Parlamento Europeo per presentare il progetto. I ragazzi del CFP dei Salesiani di Bra e Fossano sono stati fantastici. Ricordo che siamo un gruppo di amici che ha deciso di mettersi in gioco per poter raccontare una storia particolare: quella di un viaggio in macchina fino in Mongolia, attraverso montagne, laghi e steppe desolate, tutto questo per beneficenza. La collaborazione con i ragazzi del CFP dei Salesiani è certamente stato un valore aggiunto che ha dato ancor più significato alla nostra esperienza.” Il Mongolia Charity Rally 2016 non una vera e propria corsa: le squadre partecipanti si impegnano piuttosto ad acquistare ed allestire alcuni veicoli, per poi guidarli da Bruxelles a Ulan Bator attraversando tutta l'Asia Centrale. Una volta giunti nella capitale Mongola i veicoli, tramite un’associazione benefica, verranno donati direttamente alle popolazioni locali, o utilizzati per portare a termine vari progetti umanitari. Questo è il progetto che il gruppo capitanato da Riccardo Garella presenterà alla Commissione Handicap dell’UE mercoledì 6 luglio, prima di partire per l’esaltante viaggio che porterà con loro un “ pezzo simbolico” del Cnosfap di Bra e Fossano. “ Siamo veramente contenti- commentano i diretori dei rispettivi CFp Valter manzone e Maurizio Giraudo- per il lavoro svolto dai nostri allievi. Questa è anche una parte importante per la loro formazione umana e sociale. “ Le incognite che dovranno affrontare gli uomini dell’equipaggio sono molte: davanti a loro si apre un percorso di 14.000 km, attraverso dieci stati e due continenti. L’Anello d’Oro della Russia Imperiale, le grandi città carovaniere di Samarcanda e Buchara, e un angolo del Turkmenistan a buon diritto noto come la Porta dell’Inferno sono solo alcune delle tappe della lunga strada verso Ulan Bator. Si tratta di un viaggio affascinante quanto impegnativo, ispirato dalla volontà di mettersi in gioco in prima persona per una causa importante. Bella quindi la sfida anche per gli allievi della formazione professionale che hanno dato il massimo per un progetto veramente a misura di giovane. Un ringraziamento va in particolare alla ditta Mondialcar di Bra, che ha fornito tutto il materiale necessario per la manutenzione, ed alla Rolfo Veicoli Industriali che si è occupata col loro tecnico Danilo Gamba delle scritte e dei materiali necessari alla protezione del mezzo nei passaggi desertici. La partenza è fissata il 9 luglio da Bruxelles. Chiunque voglia avere una visione più completa di questa avventura, o supportare questa bellissima causa, può visitare il loro sito www.phigamma.org, o contattarli direttamente all’indirizzo info@phigamma.org ​​​​​​​Franco Burdese