ACCOGLIENZA CLASSI SECONDE

Arrivati puntuali, nel grande cortile del Cfp, le ragazze e i ragazzi delle seconde annualità dei corsi A, B, C e D si sono calorosamente salutati tra loro, dopo oltre due mesi di vacanza, durante i quali la maggior parte di loro non si era più incontrata. Poi, ordinatamente, hanno preso posto sulle sedie, pronti ad ascoltare i messaggi di bentornati e – per un nutrito gruppo di loro – di benvenuti in questo CFP che è anche una casa che accoglie, educa alla vita e professionalizza. Dopo aver richiamato alcune norme comportamentali che non possono essere disattese per il buon funzionamento della comunità del Centro. Una preghiera per affidare l’anno che è appena decollato alla Vergine Maria e al nostra padre e amico san Giovanni Bosco, e poi via in classe.

SERATA GENITORI 2^ e 3^

Una serata in Gmeet per i genitori delle classi seconde e terze Cfp. A partire dalle 20,45 di martedì 14 settembre, le numerosissime famiglie connesse – che avevano ricevuto il link per l’incontro postato sia sul sito web del Cfp sia a mezzo Telegram – hanno ascoltato l’introduzione di don Alessandro Borsello e le indicazioni del direttore del CFP che ha illustrato tutte le novità dell’anno, con particolare riferimento al protocollo Covid-19, con le richieste contenute anche nel patto di corresponsabilità che le famiglie stesse firmeranno in questi giorni. Poi don Kenneth ha presentato le modalità con le quali l’equipe formativa ha pensato di impostare il tradizionale «Buongiorno» che caratterizza ogni nostra giornata formativa. Con una serie di domande sulla logistica dell’anno formativo, si è chiuso l’incontro che è stato molto apprezzato da tutti i genitori. E lunedì 20 accoglieremo le classi terze e la seconda Termoidraulica, che avvieranno anche la loro esperienza formativa, costituendo completamente la comunità dei giovani che frequentano i corsi dell’obbligo.

ACCOGLIENZA CLASSI PRIME

Erano tutti in cortile, puntuali e in trepidante attesa. Poi, richiamati dai formatori, si sono spostati a gruppi-classe, andando ad occupare le sedie poste a fianco dell’officina. I 120 allievi delle classi prime dei nostri cinque settori, nella mattinata di lunedì 13 settembre, hanno ascoltato con attenzione il saluto del direttore dell’opera don Alessandro Borsello, il saluto e le tante raccomandazioni fornite loro dal direttore del Centro Valter Manzone e il saluto con preghiera finale da parte del catechista don Kenneth.

Poi lo spostamento in aula, accompagnati dal proprio referente di corso, i giovani hanno iniziato a famigliarizzare con l’ambiente e con la documentazione necessaria per l’avvio dell’a.f. 21-22. Al momento dell’intervallo, in cortile si potevano osservare le «bolle sociali» di ciascuna classe, con i formatori che animavano anche questo momento di prima timida socializzazione. Alla fine della mattinata, stanchi, un po’ frastornati ma contenti, tutti a casa. Pronti a ricominciare il giorno successivo!!

SERATA GENITORI CLASSI PRIME 

Sempre lunedìdalle 18,30 alle 19,30 – il cortile è stato teatro della riunione dei genitori delle classi prime, che avevano iniziato al mattino il loro anno formativo. Accolti dal direttore dell’opera don Alessandro Borsello e da quello del CFP Valter Manzone, i numerosissimi genitori intervenuti hanno ascoltato con attenzione i messaggi che sono stati trasmessi, sia relativamente al «sentirsi a casa» che è proprio di ogni ambiente salesiano sia per quanto concerne il cammino per professionalizzarsi da un lato e per crescere come persone a 360°.Infine molte indicazioni tecniche: l’orario della giornata formativa, il calendario dell’anno, le modalità didattiche, la gestione delle assenze e dei ritardi e il protocollo per la lotta al Covid-19.

S1 – Grande Sentiero del Roero

Continuano le avventure del gruppo “Cnos Fap Bra – Walkers”.

Sabato 9 maggio 2021, con ritrovo alle ore 6.30 di fronte al CFP di Bra, ha avuto inizio la giornata di cammino in direzione Cisterna d’ Asti, attraverso il Grande Sentiero del Roero.

43 km di emozioni, percorsi interamente in natura nel pieno del suo risveglio primaverile.

Oltre allo storico gruppo (Maurizio, Massimo, Sonia ed Elena), il nuovo cammino ha visto la partecipazione di Giacomo che, sfruttando le proprie conoscenze professionali, ha deliziato i camminatori con una fantastica colazione.

CAPOLAVORI IN CUCINA!!

[Come ti trasformo la salsiccia, il formaggio e gli zucchini]

Il «concorso dei Capolavori», promosso dalla sede nazionale del Cnos Fap, nonostante il perversare della situazione pandemica, vuole raggiungere, tra le altre, le seguenti finalità: stimolare gli allievi a misurarsi sulla realizzazione di un «capolavoro», elaborato d’intesa con le imprese del settore, che rispecchia le competenze che deve raggiungere al termine del percorso formativo; approfondire e consolidare il rapporto locale e nazionale con il mondo delle imprese del settore; premiare l'eccellenza tra gli allievi.  

Anche il Cfp braidese, che da sempre crede in queste opportunità, ha deciso di partecipare ai settori turistico-alberghiero e a quello delle aree (Culturale, Matematico/Scientifica, Didattica digitale).

Venerdì 23 aprile, i due candidati del corso 3^D (agroalimentare) – Giulia Carolini e Ivan Panero (che ha sostituito all’ultimo minuto il compagno Mattia Gotta, infortunato a seguito di un investimento), coordinati dal formatore Claudio Vaira - hanno dato il meglio di sé nella preparazione delle due ricette con le quali hanno affrontato il tema «La riscoperta dei Sapori Antichi - La Cucina Circolare»: una quiche ripiena di zucchine, salsiccia di Bra e formaggio Bra duro e un fagottino composto da un fiore di zucca ripieno di salsiccia e formaggio, entrambe eccellenze braidesi, insieme alla verdura dei nostri orti. Le foto delle ricette –  scattate passo passo – sono state poi inviate alla giuria romana. E da oggi (lunedì 26 aprile) ogni pomeriggio, in Meet, i due concorrenti sono sottoposti ad alcune domande sulla gastronomia, sulle ricette realizzate e su argomenti generali su tematiche agroalimentari. Il tutto fino a giovedì; poi, venerdì, la premiazione! 

Ma certamente, per dirla alla De Coubertin, è già una vittoria l’aver partecipato! 

PROGETTO CINEMA

Si è concluso questa mattina il progetto "Cinema portatore sano di legalità" organizzato da Anec (Associazione Nazionale Esercenti Cinema). Grazie alla collaborazione con il Cinema Vittoria di Bra il nostro istituto ha partecipato con tre classi prime (B,D, F).
Dopo la visione del film "Sicilian Ghost story" le classi hanno avuto la possibilità di approfondire la tragica vita di Giuseppe Di Matteo e confrontarsi con Flavia Montini che ha moderato l'incontro con una referente di Libera. I temi sono stati: la legalità, il rispetto reciproco, le attività dell'Associazione fondata da don Ciotti e il ruolo dei giovani nel cambiamento di atteggiamenti poco edificanti.
Nonostante la didattica a distanza il progetto ha dato molti spunti che saranno ripresi nelle prossime lezioni.

SCREENING PER OPERATORI DEL CFP

BRA Nella mattinata di martedi 23 febbraio una quindicina di operatori del Cfp – grazie alla presenza in sede dell'ambulatorio mobile dell’Asl Cn2 – si sono sottoposti ai tamponi rapidi, come previsto dal progetto «Scuola sicura» voluto dal Governatore del Piemonte Alberto Cirio.

Con grande professionalità, i tre volontari della «Fondazione nuovo ospedale onlus» e la dottoressa e l’infermiera dell’Asl, hanno accolto gli operatori all’interno dell’ambulatorio mobile attrezzato di tutto punto, e sottoposti al tampone. Concluso lo screening, la dottoressa ha preparato la documentazione per tutti, elogiando anche il Cfp per il protocollo che viene attuato quotidianamente, che prevede il triage a tutti gli allievi e ai formatori del Centro.

Collaborazione con WD-40

La storia di WD-40 inizia nel 1953 a San Diego in California in un piccolo laboratorio dal nome Rocket Chemical. È una storia degna di essere ricordata proprio per come questa straordinaria azienda americana intraprese il percorso che la rese a tutti gli effetti il numero uno al mondo nel settore dei lubrificanti multifunzione. E nel 2020 approda anche al Cfp di Bra.

Il piccolo laboratorio di San Diego iniziò la sperimentazione di diverse formule che potessero risolvere i problemi della Nasa. I tentativi furono numerosi e finalmente la 40esima formulazione risultò essere la vincente, nacque così WD-40, il lubrificante multifunzione diventato il punto di riferimento in tutto il mondo.

Grazie all’offerta di collaborazione che ci è stata riservata dal funzionario Alessandro Venerato di Wd40 Italy, le nostre classi prime dei settori meccanica industriale, meccanica auto e termoidraulica, hanno già partecipato ad una prima Meet, per capire le potenzialità e le modalità di uso dei loro prodotti: oli lubrificanti, da taglio, oli e grassi per attrito e prodotti di pulizia; interessante la linea bike-moto e automotive. La prossima settimana una seconda videolezione; poi l’invio gratuito di una fornitura di materiali per testare e sperimentare i prodotti direttamente in laboratorio. Ai nostri allievi sarà poi chiesto di realizzare una UDA, un project-work o un video tutorial che dimostrino l’impiego dei prodotti nei nostri laboratori. Una collaborazione, quella appena avviata, destinata a durare nel tempo, che non mancherà di fornire un valore aggiunto alla conoscenza di questi prodotti WD-40  che nel corso degli anni hanno trovato numerose applicazioni a livello industriale (aerospaziale, automobilistico, meccanico, agricolo, ecc), sportivo e domestico.

Bra, INAUGURATA LA MOSTRA DINAMICA 60 ANNI DI SALESIANI

Lunedi 16 settembre è stata inaugurata, presso i locali dell’ex supermercato Dimar nella bellissima sede Liberty della Novella in via Piumati, la Mostra “ 60 anni di Salesiani a Bra”.
Il progetto della Comunità educativa dei Salesiani di Bra ha voluto questa “ casa fuori le mura” per testimoniare questi primi sessanta anni, ma allo stesso tempo per impostare un nuovo modo di proporre attività all’educazione sociale, civica  ed al lavoro. I locali di via Piumati 57 saranno infatti il luogo privilegiato dove si raccoglieranno i ricordi di tutti gli ex allievi di questi primi sessanta anni, sino al 31 gennaio 2020 Festa di don Bosco.
L’obiettivo sarà quello di giungere ad una pubblicazione che racconti le vicende a vario titolo della vita salesiana a Bra dal 1959 ai giorni nostri.
Alla cerimonia, che ha avuto il suo avvio presso la palestra dei salesiani di Bra, sono intervenuti moltissimi attori di questi anni di grande spirito educativo sullo stile di don Bosco. Da don Luigi Compagnoni, Direttore della Casa di Bra dal 1997 al 2006, che con emozione ha ricordato il lavoro dei tanti confratelli.
Ad aprire le celebrazioni don Alessandro Borsello, neo Direttore dei salesiani di Bra, che ha preso spunto dalle memorie di don Corrado Bruno. Il Sindaco Gianni Fogliato ha ricordato gli scontri calcistici tra Sant’Andrea e la truppa dell’oratorio salesiano.
Si sono poi succeduti il sempre inossidabile don Augusto Scavarda per il CFP, don Sebastiano Bergerone nel raccontare l’Istituto Tecnico Industriale, il Preside della scuola media Teresio Fraire. E’ toccato a Valter Manzone  ricordare il prezioso lavoro dei Cooperatori Salesiani, oltre duecento a Bra; mentre Michelino Davico, che è stato Presidente degli ex allievi,  ha citato la capacità aggregativa di salesiani come don Aldo Bertolino. L’oratoriano, ex allievo dell’ITI, Marco Fissore ha raccontato le gesta dell’oratorio. Nomi mitici come Cilli o Jez chi se li ricorda ancora? Nel ricordo della Banda San Domenico Savio la figura del Maestro Umberto Balzan è stata presa ad esempio per l’educazione musicale. Fabrizio Berta, Presidente della Fondazione ITS Agroalimentare, ha ricordato la collaborazione su nuovi progetti del CFP di Bra. Medesima cosa ha fatto Francesco Bombonato vero e proprio precursore,  oltre venti anni or sono, degli scambi internazionali degli allievi del CFP. Non poteva mancare il contributo di Bruna Sibille che appena ventunenne aveva insegnato nell’allora scuola media per lavoratori. Bella la testimonianza di Domenico Dogliani, che ringraziando più volte il signor Riccardo Mano per l’ospitalità offertagli dai salesiani, ha citato: “ Esprimo la mia gratitudine ai salesiani di Bra che nel 1960 mi hanno accolto offrendomi una cameretta in Istituto. Era il 7 gennaio 1960 ed iniziavo ad Alba a lavorare alla Ferrero. La mia gratitudine va ai Salesiani per la disponibilità e l’aiuto importante offertomi in un difficile momento della mia vita a ventidue anni.”
A chiudere gli interventi don Giorgio Garrone che ha ringraziato i Salesiani per  la loro attività a Bra e per la collaborazione in questi sessanta anni presso la comunità.
Prima dello spostamento ai locali della Mostra il saluto a don Vincenzo Trotta, ora presso la Basilica di Maria Ausiliatrice, e a don Gilberto Sarzotti parroco al Monterosa a Torino. E’ toccato a loro, ed al Presidente degli ex allievi Davide Busato, consegnare l’attestato di ex allievi ad onorem all’ing. Carlo Gai e a Roberto Rolfo,  AD della Rolfo Veicoli Industriali, per la grande collaborazione con la Casa Salesiana di Bra. Tutti i convenuti si sono poi recati nei locali della Novella in via Piumati dove ad attenderli era la Banda Musicale Giuseppe Verdi di Bra, diretta dal Maesto Montanaro. E’ toccato ai confratelli Salesiani, guidati da don Alessandro Borsello, scoprire il drappo che copriva  la fotografia dei primi Salesiani a Bra con al centro il primo direttore don Corrado Bruno ed un giovanissimo Signor Riccardo Mano. “ E’ stato emozionante- ha commentato don Alessandro Borsello - con la scopertura della foto sentire le note di “Giù dai Colli”, suonate dalla Banda Giuseppe Verdi che ringrazio. Una bella testimonianza di affetto di tutti i presenti ed in particolare dei musici che hanno fatto parte della Banda Musicale San Domanico Savio ed ora suonano in quella cittadina. L’educazione ricevuta dai salesiani ha portato buoni frutti. Ringrazio la Famiglia Revello per l’opportunità concessa ai Salesiani dell’utilizzo di questo bellissimo locale sede dei ricordi di questi sessanta anni”.
Franco Burdese