PROGETTO «PEER TO PEER» per la 1^F

Interessante progetto di «educazione tra pari» quello vissuto dalla classe prima Termoidraulica, nella mattinata di martedì 21 settembre. Complice l’assenza per lutto del formatore Valentin Marlekaj, i 20 allievi presenti in laboratorio, con il formatore esperto Giuseppe Baravalle, sono stati suddivisi in 5 gruppi: uno con il formatore (che ha coordinato l’esperienza), mentre gli altri 4 ad altrettanti allievi della 3^F che hanno fatto da tutor, introducendo i giovani nel mondo della termoidraulica. Domenico Collufio, Romeo Gutu, Nikaj Prele e Ion Sorici, hanno preso in carico i 4 allievi loro affidati e hanno iniziato a svolgere gli esercizi assegnati dal docente. Il loro compito – svolto in modo magistrale – era quello di far ruotare tutti gli allievi nell’esecuzione dell’esercizio, con un occhio vigile per la correzione degli errori e per la spiegazione dei passaggi più complicati. I giovani discenti erano ammirati nel vedere l’abilità acquisita dai compagni che hanno già svolto due anni di formazione ed erano molto attenti ai loro suggerimenti. «Un’esperienza formativa davvero interessante – commenta il direttore del Cfp Valter Manzone – che nel corso dell’anno formativo sarà ripetuta altre volte. Da un lato valorizza le competenze di studenti del terzo anno e dall’altro invogli i piccoli ad imitarli». L’esperienza è stata valutata sia per i primini sia – in termini di crediti formativi – per i 4 valorosi tutor.

ACCOGLIENZA delle TERZE e della 2^F

Sono arrivati tutti puntuali, lunedì 20 settembre, in cortile, con la voglia di rivedere compagne/i e formatori. Alle 8 tutti gli studenti delle cinque classi terze e quelli della 2^F – classe che quest’anno registra il 50% di inserimenti di allievi che si sono ri-orientati da altre scuole – hanno preso posto sulle sedie dislocate in zona officina. Il direttore del Centro Valter Manzone, dopo averli salutati a nome di don Alessandro Borsello impegnato in un Consiglio ispettoriale, ha di fatto avviato l’anno formativo, spiegando che «ciò che si pone come base in queste prime giornate al Cfp è il fondamento su cui si costruisce l’intero percorso del 21/22». In particolare, rivolgendosi alle allieve e agli allievi di terza, ha ricordato loro che questo anno conclude un triennio e che al fondo, dovranno affrontare l’esame di qualifica, momento davvero significativo per testare le conoscenze e le competenze acquisite nel loro settore. AI giovani di 2^F ha chiesto di operare per una corretta integrazione dei nuovi arrivati, in modo da rendere davvero produttive le giornate al Cfp. Poi don Kenneth, dopo il suo caloroso saluto, ha raccontato in sintesi il cammino pastorale che, grazie al lavoro dell’equipe formativa, si intende fare nell’anno formativo. Con un’Ave Maria, sul modello di quella detta da don Bosco con il giovane Bartolomeo Garelli, si è di fatto dato il via a tutte le attività. Accolte dai referenti di corso, hanno raggiunto le loro rispettiva classi per iniziare il lavoro quotidiano.

VERIFICA 20/21 e PROGRAMMAZIONE 21/22

BANDITO Villa Moffa, in frazione Bandito, gestita dalla fraternità dei focolarini, ha accolto tutti gli operatori del Cfp, nella mattinata di martedì 7 settembre (vigilia della festa della Madonna dei Fiori) per un momento di verifica dello scorso anno formativo e di programmazione dell’anno corrente. Tre i gruppi di lavoro, composti da un mix di operatori del Centro, coordinati dai colleghi Fabrizio, Marco e Fabio; in parallelo anche lo staff di direzione ha continuato a pianificare le prime giornate dell’a.f. 21/22.
Dopo un bel momento di preghiera, guidato da don Kenneth e don Alessandro, la divisione in gruppi e l’inizio della revisione. Una pausa caffè ha preceduto la restituzione collegiale: molto interessanti le considerazioni espresse dai portavoce, segno di un grande unità d’intenti nella gestione delle varie attività formative.
Un gustoso pasto ha caratterizzato la pausa pranzo, conclusa da un ottimo caffè. Al pomeriggio tre gruppi, composti dai formatori delle prime, delle seconde e delle terze, per la programmazione delle prime settimane di attività formativa e per mettere le basi sull’intera annualità. Un momento molto sentito e partecipato, utile anche ad accrescere le già molteplici sinergie tra tutto il personale del Centro.

SALUTI DI FINE ANNO FORMATIVO!

Prima e’ toccato alle classi terze cfp: accolti in cortile, i giovani che si preparavano a sostenere l’esame di qualifica sono stati salutati dal direttore dell’opera don Alessandro Borsello e dal direttore Cfp Valter Manzone, che dopo aver ripercorso in particolare questi due anni di pandemia, hanno invitato i giovani a vivere bene il tempo degli esami per affrontare al meglio la vita futura, sempre nella consapevolezza che in viale Rimembranze trovano una <casa> aperta per accoglierli in qualunque momento. Poi è stata la volta delle prime che, pur tra presenza in laboratorio e Fad, hanno concluso le 990 ore dei corsi di appartenenza: per loro l’augurio di una buona estate e l’arrivo servi a settembre. Infine le seconde, giunte anch’esse a fine anno formativo: anche a loro i due direttori hanno rivolto l’invito di rigenerarsi durante l’estate, per arrivare a settembre pronti per lo sprint finale.

La rituale foto di classe e la distribuzione della focaccia hanno concluso questi momenti. Qualcuno, anzi più di qualcuno, salutando formatori e compagni, si è avviato al cancello in compagnia di una lacrima che scendeva a rigargli il viso. Potenza della pedagogia salesiana e del lavoro formativo che tutti insieme si continua a fare! Buona estate ragazze/i!

IL SALUTO A GIULIO DEALBERA

E’ approdato alla formazione professionale del Cnos Fap nel settembre 2018, non avendo mai fatto esperienza di formazione in precedenza. Giulio Dealbera, valente idraulico, ha accompagnato i nostri giovani per un triennio, portandoli a conseguire la prima qualifica professionale per «Operatore di impianti termoidraulici» del nostro percorso duale. Poi, a settembre 2020, ha ricominciato con una classe prima. Collaborando strettamente con il collega Valentin e con il referente di settore Maurizio, ha avviato questi giovani – a volte anche assai scalmanati, ma in fondo buoni e desiderosi di imparare – ad apprendere i primi rudimenti di questa professione. Fino ad oggi (martedì 26 gennaio, compleanno dei salesiani, fondati da don Bosco proprio in questa giornata, nel lontano 1846). Da domani Giulio torna full-time nell’azienda che ha fondato con i suoi soci. Comunicandoci questa decisione, abbiamo letto nei suoi occhi una commozione sincera, che lui stesso ha espresso dicendo: «E’ stata un’esperienza molto bella, che non dimenticherò. Operare con i giovani è davvero coinvolgente». Nella breve cerimonia di saluto, il direttore del Cfp Manzone e dell’opera don Borsello, lo hanno ringraziato per il valore aggiunto che ha portato nel nostro Centro di formazione, ricordandogli che le porte sono sempre aperte per accoglierlo anche solo per un saluto o se vorrà fare una puntatina a rivedere i suoi allievi. L’omaggio del volume «Memorie biografiche» ha voluto sancire un legame con l’opera salesiana che è certamente destinato a durare nel tempo.

In chiusura, il pensiero riconoscente del referente di settore: «Questa settimana salutiamo Giulio Dealbera che dopo alcuni anni  nel settore Termoidraulico lascia l’incarico di formatore per tornare a tempo pieno all’attività cantieristica. Non vuole essere un atto formale quello dei ringraziamenti. Pensando a questo pezzo di strada fatto insieme vengono in mente le preoccupazione per gli allievi: cercare delle strade per essere più efficaci nel coinvolgerli, come aiutare chi presentava difficoltà, gestire le questioni disciplinari…Non sono mancate nemmeno le risate per stemperare le tensioni. Giulio come altri collaboratori è andato ben oltre il contributo, seppur prezioso, che ci si potrebbe aspettare dal personale esterno (pagato per le ore svolte in laboratorio/aula). Per quanto riguarda l’aggiornamento del Laboratorio  anche la sua consulenza è stata fondamentale per la stesura del progetto.

Grazie Giulio e un grande in «bocca al lupo» per il tuo futuro professionale.

Ultima settimana per le iscrizioni online

Ultima settimana per le iscrizioni online che si concludono il prossimo 25 gennaio alle ore 20:00. Si ricorda che dopo la chiusura delle iscrizioni online, sarà sempre possibile effettuare l'iscrizione ad un percorso triennale di qualifica professionale presentando il nulla osta dalla scuola o centro di formazione professionale scelto in precedenza.

Gli eventuali ritardatari che non avessero fatto in tempo ad accedere ai servizi on line del MIUR hanno sempre la possibilità di iscriversi recandosi direttamente al Centro di Formazione Professionale. Si riporta, per opportuna conoscenza, quanto pubblicato sul sito dell’Istruzione merito alle Iscrizioni on line: “Le iscrizioni on line sono obbligatorie per le scuole statali e riguardano anche i corsi di istruzione e formazione dei Centri di formazione professionale regionali delle regioni che hanno aderito alla procedura.

Per ulteriori info sui vari percorsi formativi o per prenotare un appuntamento chiamare al 01724171111 oppure inviare un email a segreteria.bra@cnosfap.net

A.F. 20/21: TORNANO GLI ALLIEVI!

AVVIO CLASSI PRIME

Erano trepidanti davanti al cancello lunedì mattina 21 settembre (ore 8) poi i formatori che li accoglievano li hanno invitati a recarsi sotto il porticato per la rilevazione della temperatura. Sono stati molto ordinati e particolarmente attivi i nuovi allievi della 5 classi prime: fatta la fila, rilavata la temperatura, tutti seduti sulle sedie in cortile. Tutti con la propria mascherina. Breve saluto del direttore dell’opera don Borsello, saluto a tante raccomandazioni da parte del direttore del Centro Manzone e saluto con preghiera finale da parte del catechista don Kenneth. Poi qualche goccia di pioggia ha accelerato lo spostamento in aula. Accolti dal referente di corso, hanno iniziato a famigliarizzare con l’ambiente e con la documentazione necessaria per l’avvio dell’a.f. 20-21. All’intervallo, ecco che in cortile si notavano le «bolle sociali» di ciascuna classe, con i formatori che animavano anche questo momento di prima timida socializzazione. Alla fine della mattinata, stanchi, un po’ frastornati ma contenti, tutti a casa. Pronti a ricominciare il giorno successivo!!

INCONTRO GENITORI CLASSI SECONDE E TERZE

Nella serata di martedì 22 settembre, dalle 20,30 alle 21,30, si è svolto l’incontro con i genitori delle classi seconde e terze in Meet. Dopo che l’animatore digitale del Cfp, Valentin, ha inviato loro l’invito (contattate 215 famiglie) ci siamo ritrovati nella direzione della casa salesiana con don Borsello, don Kenneth e lo scrivente direttore del Cfp. Da casa, il coordinatore Busato, numerosissimi formatori e ben 135 famiglie connesse! Dopo l’introduzione di don Alessandro Borsello, il direttore del CFP ha illustrato tutte le novità dell’anno con particolare riferimento al protocollo Covid-19, con le richieste contenute anche nel patto di corresponsabilità che le famiglie stesse firmeranno in questi giorni. Poi don Kenneth ha illustrato le modalità con le quali l’equipe formativa ha pensato di impostare sia il «Buongiorno» sia le giornate di spiritualità. Con una serie di domande sulla logistica dell’anno formativo, si è chiuso l’inocntro che è stato molto apprezzato da tutti i genitori.

AVVIO CLASSI SECONDE

Sono arrivati tutti, puntuali alle 8 di mercoledì 23 settembre, i giovani e le giovani dei secondi anni. Desiderosi di rivedere fisicamente i compagni di corso, i formatori e gli ambienti. SI sono sottoposti ordinatamente alla misurazione della temperatura, poi hanno raggiunto la chiesa, disponendosi nei banchi preparati anche per le celebrazioni, dopo essersi fatti sanificare le mani da un formatore che li accoglieva all’ingresso. Hanno ascoltato i saluti del direttore dell’opera don Borsello, del catechista Kenneth e seguito, con grande attenzione, le indicazioni che il direttore del Cfp ha dato loro per vivere al meglio e in totale sicurezza quest’anno formativo. Poi – mantenendo mascherina indossata e distanziamento sociale – con i loro formatori di riferimento, si sono avviati in aula per dare ufficialmente inizio alla loro seconda annualità.

IMMAGINI del nuovo A.F. 2020/21

- EQUIPE FORMATIVA «at work»

Don Kenneth Nnadi, don Alessandro Borsello, Monca Calosso, Vanessa Rigano, Nanni Spadafora, Davide Ciravegna e Valter Manzone, hanno condiviso le modalità di animazione pastorale del Cfp. In un anno molto complicato, non si intendono perdere le belle tradizioni salesiane: il Buongiorno (tre ambienti fisici: la chiesa, la palestra e le aule didattiche, che consentono – tutti – di mantenere il necessario distanziamento sociale), i momenti di accoglienza e le giornate di spiritualità che saranno singole, da organizzare in luoghi tipici e comodi da raggiungere.

- FORMATORI …pensanti!

Tutti i formatori del Centro – divisi in tre gruppi di lavoro trasversali – si sono ritrovati sia martedì 15/09 sia mercoledì 16/09 per confrontarsi sulle linee-guida per il prossimo anno formativo: dalla gestione dei ragazzi (ingressi, misurazione febbre, accesso alle aule, gestione orario e intervalli, uscite, regolamento del centro e regolamento Covid, pausa pranzo, etc..) all’organizzazione della didattica. Interessanti le sollecitazioni che sono nate; un momento di confronto con lo staff di direzione ha permesso di fare una sintesi di tutto, poi presentata alla riunione dei formatori.

-  ORGANO COLLEGIALE

Ormai la cappella dell’Istituto è diventata anche la sede, molto accogliente, per le riunioni dei formatori del Cfp. Ci si ritrova ordinati nei banchi, a distanza, con mascherina e si avviano i lavori con il saluto al «padrone di casa». L’incontro di giovedì 17/09 è stato aperto dal direttore dell’opera don Alessandro Borsello, con una bellissima preghiera di Madre Teresa di Calcutta (L’uomo è irragionevole….) che ha davvero creato un buon clima di lavoro. Poi il direttore del Centro, coadiuvato dal coordinatore e dal Rspp, ha condiviso le varie linee guida per l’avvio dell’anno formativo, in un clima di grande partecipazione di confronto. Si sono verificate le situazioni legate agli ingressi, alla misurazione della temperatura, dell’acceso alle aule, dei presidi dei piani del Palazzo nuovo e dell’oratorio, e dell’officina. Si è discusso di assenze e del modulo di autocertificazione per le giustifiche, dell’allestimento dell’aula Covid e delle modalità di gestione di studenti con sintomi vari. SI è analizzato il regolamento di Centro e quello integrativo denominato «Misure di prevenzione del Covid-19» che prevede anche sanzioni specifiche per coloro che non lo rispettano. Infine si è dato uno sguardo all’impostazione dei laboratori – che sono la parte più importante del nostro Centro – con la condivisione di regole chiare che saranno spiegate ai giovani e fatte applicare in modo rigoroso.

- RINNOVO AMBIENTI

In tutte le aule ci sono delle novità. Al terzo piano saranno piazzati i Promethean (mega televisori multifunzionali) in tutte le aule, mentre i colleghi dei settori agroalimentare e termoidraulica stanno letteralmente rifacendo i rispettivi laboratori, per accogliere gli studenti in ambienti attrezzarti con strumenti di ultima generazione…

 

- INCONTRO con i GENITORI di PRIMA

Nella serata di giovedì 17 settembre (dalle 18,30 alle 20) si è svolto, in presenza, l’incontro con i genitori delle future classi prime, che inizieranno il loro a.f. lunedì 21. Foltissima partecipazione, accolti in cortile sulle sedie distanziate, ai presenti ha rivolto un caloroso saluto di introduzione il direttore dell’opera don Borsello, spiegando il senso salesiano della formazione professionale e auspicando che il «patto di corresponsabilità» che le famiglie, gli allievi e il Cfp firmano, sia davvero declinato nel quotidiano. A seguire il direttore del Centro e il coordinatore hanno dato loro indicazioni tecniche sull’avvio e sulla gestione delle giornate al Cfp. Molto attenti e coinvolti, i genitori hanno poi firmato il patto, ricevuto il regolamento e il modulo per la giustificazione delle assenze.