LETTERA ALLE/GLI ALLIEVE/I

Galleria

Questa galleria contiene 4 foto.

Care/i ragazze/i, un’altra settimana è passata. E la lotta contro questo nemico invisibile, chiamato Covid-19, non ha ancora dato i risultati attesi. Anzi, a quanto ci dicono i vari canali di informazione, i contagi stanno ancora aumentando. Al momento, come … Continua a leggere

MESSAGGIO DI SOSTEGNO ALLE AZIENDE

Sono giorni complessi per tutti e lo sono anche per la scuola e la formazione professionale. Don Alessandro Borsello, direttore della Casa Salesiana di Bra, ha voluto con un video messaggio salutare e farsi vicino alle imprese con le quali dal 1959 i Salesiani collaborano.

Sono oltre trecento le attività imprenditoriali che condividono la passione educativa con il nostro CFP ospitando allievi in stage, assumendone altri con il contratto di apprendistato prima e spesso confermandoli al suo termine, accogliendoli nei percorsi di alternanza e garantendo collaborazioni tecniche altamente professionalizzanti per aggiornare i nostri formatori. Sono aziende dei settori come la meccanica industriale, la meccanica auto, l’acconciatura, la panificazione pasticceria e pizzeria, la termoidraulica. Questi settori, come tanti altri, stanno affrontando questa emergenza con modalità diverse, pensiamo in particolare agli acconciatori che sono chiusi e non solo loro. Una emergenza che è sanitaria ma che si intreccia pesantemente anche col mondo del lavoro. Don Borsello ha ricordato come anche don Bosco nello sviluppo delle sue moltissime attività per i giovani si è trovato in difficoltà, in particolare durante la drammatica epidemia di colera che ha colpito Torino nell'estate 1854. La Provvidenza lo ha sempre sostenuto e lo ha guidato nelle difficoltà a saper trovare la strada, a superare gli ostacoli che si presentavano di volta in volta. Ed ogni volta, dopo ogni difficoltà, ritornava ritemprato e con idee nuove sempre per il bene dei suoi ragazzi, basti pensare al contratto di “apprendizzaggio” e al fatto che la sua riuscita fu dovuta alla disponibilità di un artigiano, di una delle tante “aziende” del suo tempo che gli garantirono la collaborazione.

“So quanto stimate i Salesiani - ha affermato don Alessandro Borsello - e so quanto è generoso il vostro impegno per i nostri allievi. Nella fiducia che ci rivedremo presto, confermo l'impegno della Formazione Professionale Salesiana al vostro sostegno e sin d'ora a progettare quegli interventi che presto ci vedranno ripartire con voi per il futuro dei nostri amati giovani. Siamo insieme a combattere questa sfida difficile. Sentiamoci uniti. Noi assicuriamo la nostra vicinanza, anche nella preghiera, e insieme ce la faremo”.

Anche la solidarietà nei messaggi in questi momenti non facili può fare la sua parte e indicarci la strada, quella della speranza, in attesa di momenti migliori che siamo certi torneranno.

Franco Burdese

Una settima di fad al CFP di Bra

E' passata una settimana nella quale abbiamo svolto attività in FAD - Formazione a Distanza, ma non è ancora passata la tempesta!
Ci apprestiamo a vivere la seconda settimana e abbiamo lavorato alacremente per mettere a disposizione dei nostri allievi altri materiali e altri strumenti per la formazione a distanza.
Ecco il saluto del nostro Direttore del CFP, Valter Manzone:   Cosa succederà questa settimana lo scoprirete collegandovi con i vostri formatori!  

SALESIANI 4.0

Il Covid-19, pur essendo piccolo e invisibile agli occhi, ha cambiato gli stili di vita di milioni di persone. Tra questi, anche a tutta la popolazione scolastica italiana, di ogni ordine e grado. Ai salesiani di Bra, sia i docenti della scuola media paritaria, sia i colleghi del Centro di formazione professionale, si sono attivati da subito, per continuare a mantenere un contatto con gli studenti, offrendo loro delle opportunità di lavoro a distanza.

MEDIE Spiega il presidente Teresio Fraire: «Fin dai primi giorni di queste emergenza abbiamo cercato di occupare i ragazzi, servendoci dello strumento mail e dei materiali didattici caricati dagli insegnanti sul sito www.salesianibra.it. I ragazzi e le famiglie si sono attivati, mentre gli insegnanti hanno studiato forme per avere un riscontro del lavoro svolto». Poi aggiunge: «Visto il prolungamento dei giorni di sospensione della scuola e sollecitati dalle indicazioni ministeriali, abbiamo avviato l’utilizzo della piattaforma Google Apps for Education, su cui ci eravamo già attivati in vista del prossimo anno scolastico». Allo scopo sono stati creati gli account per gli insegnanti e per gli allievi, i gruppi classe e gli indirizzi istituzionali, disponendo da subito di una serie di strumenti di interazione tra insegnanti, alunni e le famiglie (mail istituzionali, file condivisi in lettura e scrittura, applicazioni delle G Suite come Classroom, Moduli, Fogli, Documenti).

Il direttore dell’opera don Alessandro Borsello: «Non consideriamo questo nuovo canale informatico l’unica modalità di conduzione della didattica: la scuola e gli insegnanti sono contattabili via mail e continuano a caricare i materiali didattici sul sito e a segnalare sul registro compiti e lezioni. Cogliamo queste difficoltà come un’occasione per crescere insieme (scuola, famiglie e alunni) e per far sperimentare ai ragazzi cosa può voler dire davvero lavorare in vista di un efficace apprendimento».

CFP Anche la comunità del Centro di formazione professionale si è subito attivata per raggiungere tutti gli allievi dei corsi dell’Obbligo di istruzione, i colleghi dei percorsi Ifts per Tecnico trasfertista e gli allievi dei corsi di riqualificazione per meccatronico e gli addetti magazzino-logistica. Il coordinatore del Cfp Davide Busato: «Tutte i nostri allievi hanno l’accesso alla piattaforma Classroom sulla quale possono interagire con i formatori. Abbiamo anche attivato una cartella di Drive, nella quale i ragazzi – cercandosi la propria classe – trovano i materiali didattici che i docenti preparano e caricano settimanalmente». Aggiunge il direttore del Cfp Valter Manzone: «Oltre all’aspetto didattico, ci preoccupa anche quello formativo, che è integrante di tutti i nostri percorsi: grazie ad un canale Youtube, tutti i giovani possono ascoltare il “buongiorno” realizzato dal direttore dell’opera o dai componenti dell’equipe pastorale.

E, sempre grazie all’etere, per continuare ad avere un contatto con gli studenti, è stata attivata anche una web radio, con un palinsesto appositamente studiato per poter comunicare loro le iniziative didattiche, per proporre una lezione o, semplicemente, per offrire un po' di relax che li aiuti a vivere bene questo tempo in cui occorre “stare in casa”. Anche i formatori, che stanno svolgendo il lavoro fuori sede, rimangono connessi, grazie ai collegi docenti realizzati sfruttando Meet di Google».

ORATORIO. In questo periodo di serrata, anche la comunità oratoriana sta cercano di mantenere vivo lo spirito di famiglia che la caratterizza. Una specie di consiglio oratoriano si è incontrato online e ha condiviso alcune idee: si è proposto un breve video della comunità salesiana a mo’ di saluto del “dopo messa” sulla scalinata del cortile; intanto si inventano i modi per tenere i contatti con i ragazzi e i giovani dei gruppi, chiusi anche loro in casa ma con tanta di voglia di rivedersi in presenza e non solo virtualmente.


Formazione su Tazebao

Mercoledì 12 febbraio l’aula di informatica 4.6 del Cfp braidese ha ospitato un centina di colleghi delle 4 sedi operative dell’area vasta di Cuneo per una formazione sul nuovo sistema informatico Tazebao. Accolto dal direttore del Cfp Valter Manzone, il gruppo composto da operatori di segreteria, operatori Sal, referenti corso e affini, è stato formato dai responsabili del CRI (centro risorse informatiche) della sede regionale Elena Carniel e Piergiorgio Borgogno, coadiuvati dal collega braidese Fabrizio Venere, che da settembre sarà operativo al CRI di Valdocco. Il coordinatore di Bra Davide Busato ha avviato i lavori, dopo il saluto del referente di area Gianluca Dho. Dopo tre ore di formazione su pagelle, documenti stage e altro - che hanno soddisfatto molto gli “allievi” - i saluti in un cortile decisamente assolato ed il rientro nei propri Centri, per sperimentare le ultime potenzialità del sistema!

LA FESTA DI DON BOSCO alla Novella: i Salesiani di Bra lo festeggiano anche fuori le mura

Sabato 1 febbraio alla Novella ha avuto un significativo successo la “Mostra fotografica presentata per i 60 anni della presenza dei Salesiani a Bra”, nell'ambito dei festeggiamenti in onore di San Giovanni Bosco. L’iniziativa prevedeva un programma articolato mirato a testimoniare come i Salesiani coniugano “passato presente e futuro” nel Centro di Formazione Professionale e nella scuola media con un unico obiettivo: l'educazione dei giovani.

I lavori sono stati aperti con il saluto del Direttore della Casa Salesiana di Bra don Alessandro Borsello, con una metafora sull'importanza che hanno nella guida di un'auto il freno e l'acceleratore, ma di più ne ha l'acceleratore, per sottolineare la voglia correre verso il futuro che contraddistingue l'operato di tutti quelli che lo coadiuvano. Seguendo il programma, c'è stata la consegna degli attestati del Corso denominato “Tecniche di installazione e manutenzione di impianti civili ed industriali” più semplicemente presentato Tecnico Trasfertista. Presenti in ventuno dei quarantotto formati nei due anni: gli assenti erano a lavorare in trasferta. L'ing. Carlo Gai, il dr. Arturo Faggio, Direttore Regionale al lavoro e formazione, e la dottoressa Ivana Morando, dirigente responsabile del procedimento IFTS, hanno avuto il piacere di consegnare l'ambito titolo di tecnico superiore.

Alla cerimonia è seguita la Tavola Rotonda dal tema “Quale futuro per l'educazione e la formazione dei giovani sullo stile Salesiano”. A moderare gli interventi Fabrizio Berta, Direttore del CFP Torino-Rebaudengo del CNOS-FAP Piemonte e Presidente della Fondazione Agroalimentare per il Piemonte.  Mariano Costamagna, Vice Presidente Confindustria Cuneo, ha ricordato l'importanza dei valori tramandati da don Bosco. Daniela Balestra, Vice Presidente Confartigianato Cuneo, ha ribadito la valenza della sinergia tra le varie componenti, dai giovani, alla formazione, alle imprese sino alle istituzioni. Lucilla Ciravegna Assessore Politiche del Lavoro e Formazione Professionale del Comune di Bra ha affermato: “Ricordo i venti anni di lavoro che abbiamo trascorso a contrastare la dispersione scolastica con i progetti di Orientamento. Penso sia importante aiutare i giovani a definire un progetto di vita che tenga conto dell'aspetto lavorativo e della preparazione che è necessaria. Infatti una delle difficoltà più grandi che registriamo come Centro per l'impiego è la mancanza di competenze tecnico-pratiche e quando chiedi ad un giovane “a quale settore lavorativo sei interessato o ti senti più portato?”, risponde “qualsiasi” oppure “che lavoro vuoi fare” risponde “di tutto”. Questo crea debolezza e spesso il mondo del lavoro lo espelle perché fragile in quanto mancante di una formazione professionale e tecnica che lo può supportare anche rispetto ai tempi di lavoro, che siano gli orari o i turni da rispettare”. Carlo Gai Presidente di Gai Spa ha segnalato la costante necessità da parte delle aziende di trovare giovani da inserire nei propri organici, giovani che abbiano condiviso uno stile educativo come quello proposto dal modello formativo salesiano: “Occorre ottimismo”, ha dichiarato, “e tempi certi per proseguire in sulla strada intrapresa col corso tecnico trasfertista.

Il commento di Arturo Faggio neo Direttore Regionale Istruzione, Formazione e Lavoro: plaudiamo a questa iniziativa. Siamo in un contesto di forti trasformazioni. Servirebbe sempre più formazione e siamo in una fase in cui questa è il soggetto più debole rispetto alle problematiche della trasformazione e all'innovazione e rischia di essere lasciato ai margini. Ritrovarsi tutti assieme, imprese, istituzioni formative come quella dei Salesiani, Fondazioni bancarie, Amministrazioni Pubbliche, penso abbia un valore importante. Nel territorio Cuneese tutti questi attori hanno costituito una rete sociale, che ha una capacità affrontare i problemi, affrontarli nel cercare la soluzione e poi provare a risolverli, che da altre parti è più difficile da realizzare.”

La mattinata è proseguita con la consegna “dell’attestato di amicizia al centro di formazione professionale dei Salesiani di Bra” al titolare dell’officina Piumatti & Vezza e delle borse di studio a cinque allievi, un per ciascuno dei settori professionali, meccanica industriale, meccanica auto, acconciatura, panificazione e termoidraulica.

In chiusura prima l'intervento di Giandomenico Genta, Presidente della Fondazione CRC, che ha apprezzato molto l’incontro ed ha incoraggiato i presenti a proseguire sui temi trattati. E poi quello del Sindaco Gianni Fogliato che ha immaginato lo spazio della Novella come luogo comune per i giovani dando il là a futuri ragionamenti per una collaborazione a trecentosessanta gradi.

Franco Burdese

       

VISITA DEL VICE MINISTRO ALL’ISTRUZIONE ANNA ASCANI AL CFP DEI SALESIANI DI BRA

Nel pomeriggio di venerdì 31 gennaio, giorno in cui si è celebrata la Festa di San Giovanni Bosco, visita al Centro di Formazione Professionale dei Salesiani di Bra da parte della vice ministra all’istruzione Anna Ascani.  Accompagnata in questo approfondimento della Formazione Professionale piemontese da Chiara Gribaudo, dal Sindaco di Bra Gianni Fogliato e dall’Assessore Massimo Borrelli, l’Onorevole Ascani ha potuto visitare uno dei centri di formazione del CNOS-FAP Piemonte dotato di attrezzature ed ambienti a misura di giovane e sullo stile di don Bosco.
Al suo ingresso subito ha fatto notare gli spazi ed i cortili che molte scuole invidiano al mondo salesiano. Belle le parole entrando nella struttura di oltre 3600 metri quadrati disposta su due piani costruita nel 2013 per ospitare i corsi di meccanica industriale, meccanica auto, termoidraulica, e Tecnici Trasfertisti. “C’è profumo di officina”, ha esclamato all’ingresso della meccanica industriale il vice ministro Anna Ascani, che ha potuto dialogare coi i giovani intenti alla realizzazione di un prototipo robotizzato. La visita ha poi coinvolto il settore acconciatura, coi due funzionali laboratori e le delucidazioni della docente Sandra Beccaria.
Si è giunti poi al laboratorio di Panetteria, Pasticceria dedicato ai genitori dell’ex allievo Giuseppe Bernocco, titolare della TCN Group. All’ingresso il Direttore della Casa Salesiana di Bra don Alessandro Borsello ha raccontato all’onorevole Ascani le motivazioni della dedica. “Giuseppe Bernocco- ha affermato don Borsello- nostro ex allievo è riuscito anche grazie agli insegnamenti del mondo salesiano a diventare imprenditore di grande visione. È titolare di attività che vanno dalla meccanica sino alla pasticceria col marchio Galup. Pinuccio, questo il nome con cui è ricordato da compagni e insegnanti, incarna lo spirito con cui seguiamo i nostri giovani. Tramite la pratica li spingiamo a costruirsi uno stile di vita come buoni cristiani ed onesti cittadini. In molti casi come capaci imprenditori. La dedica del laboratorio ai suoi genitori è per rimarcare che la scelta dei giovani passa spesso per i valori delle proprie famiglie. Ecco perchè un giovane del CFP può ambire a traguardi importanti per il bene della società.” La visita è poi proseguita col racconto dei tanti percorsi formativi da parte del Direttore del CFP Valter Manzone.
Lasciando l’Istituto San Domanico Savio di Bra la vice ministra Ascani si è complimentata per quanto questa realtà cittadina è in grado di offrire a molte ragazze e ragazzi del territorio in ambienti dedicati al mondo dei giovani ed alle tecnologie che li formano per la vita professionale.
  Franco Burdese

Il viceministro dell’Istruzione Anna Ascani in visita al Cfp di Bra – 31 gennaio 2020 – festa di don Bosco

Galleria

Questa galleria contiene 11 foto.

Gradita visita del viceministro dell’Istruzione Anna Ascani (Pd) al Centro di formazione professionale Cnos-FAP dei salesiani di Bra. Accompagnata dall’onorevole Chiara Gribaudo, dal sindaco di Bra Gianni Fogliato e dall’assessore alle politiche giovanili Massimo Borrelli, è stata accolta dal direttore … Continua a leggere

Settore acconciatori “piccoli scienziati all’opera”

Galleria

Questa galleria contiene 11 foto.

BRA Piccoli …scienziati, in opera al Cfp braidese! Allieve e allievi del primo anno del corso per acconciatori, guidati dalla formatrice Monica Calosso, equipaggiati di tutto punto – come se dovessero operare in un laboratorio chimico di alto livello – … Continua a leggere

Gli allievi del CFP DI BRA AL SIGEP DI RIMINI

Sono gli allievi del Centro di formazione di Bra del CNOS-FAP Piemonte, e per la precisione  del terzo anno del settore "panetteria pasticceria pizzeria" nell’ambito del consolidamento delle conoscenze tecniche del settore, che hanno visitato il Sigep di Rimini.
La  Fiera di Rimini, 42° Salone Internazionale Gelateria, Pasticceria, Panificazione Artigianali e Caffè, è l’appuntamento professionale più importante dedicato al mondo dedicato al Gelato Artigianale e all’Arte del Dolce con oltre 129.000 metri quadrati occupati dalla miglior offerta internazionale. I visitatori sono guidati alla scoperta di percorsi tematici focalizzati su  cinque  settori principali, interconnessi in modo da unire in un’ unica visione globale il mondo del dolce. È uno show che premia le eccellenze mondiali, presenta nuovi format, sviluppa il networking globale e fa crescere il business di imprese e professionisti. Da ben 29 anni, SIGEP sostiene la formazione giovanile, promuovendo i progetti scolastici di intervento in fiera. SigepGiovani, è un'iniziativa svolta in collaborazione con “Pasticceria Internazionale", le aziende espositrici di SIGEP e scuole provenienti da tutta Italia, per promuove la formazione e lo scambio culturale tra studenti e professionisti dell'intera penisola e delle principali isole. Questo uno dei motivi che ha spinto il CFP Salesiano a ricercare il meglio anche nel mondo dei concorsi e chissà un domani parteciparvi. Tra i tanti espositori, gli allievi del corso, hanno potuto visitare la Selmi di Santa Vittoria d’Alba, un punto di riferimento per quanto riguarda le macchine e le attrezzature per la lavorazione del cioccolato in tutte le sue forme: pralineria, tavolette, tartufi, snack in cioccolato, cioccolato bean to bar dragèes e confetti in cioccolato. Tecnologia a misura del cliente, pratica, flessibile, facile da utilizzare, performante ed esteticamente bella.
Anche queste competenze tecniche e professionali fanno parte del bagaglio che i giovani dei salesiani di Bra dovranno avere per inserirsi a pieno titolo nel mondo del lavoro. Franco Burdese